Ripensare i non-luoghi attraverso la Progettazione Partecipata

 

images (39)

Percepire e raccogliere le esigenze della comunità, assecondare le necessità, rompere i vecchi schemi dicotomici, convincersi che uatteggiamento positivo volto alla collaborazione sia l’unica strada per realizzare in modo innovativo grandi cambiamenti è il percorso da intraprendere per poter migliorare culturalmente, socialmente, economicamente innescando processi il più possibile inclusivi  e democratici  in una sola parola di  “progettazione partecipata”.

Condividere un obiettivo comune che nasce da una esigenza, un bisogno espresso dal basso e collaborare attivamente, ognuno con le sue competenze e professionalità, con il proprio sapere empirico o teorico che sia, esprimendo le proprie idee, manifestando la propria creatività e sapere di poter contare su specificità disciplinari per poter convogliare tutte le energie nella realizzazione di un progetto è sicuramente il modo migliore per conseguire risultati efficaci

Ovunque gruppi di cittadini non rivendicano ma tentano di creare relazioni diverse

Co-produzione dal basso tra Macao (Mi), Sale Docks (Ve), Ex-Asilo Filangeri (Na)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...